Co-sviluppo: scade il prossimo 4 marzo la nuova opportunità formativa per le associazioni di migranti

Co-sviluppo: scade il prossimo 4 marzo la nuova opportunità formativa per le associazioni di migranti

Arci Toscana sostiene l’azione intrapresa con la delibera di giunta da parte della Regione Toscana di ricorrere alla Corte Costituzionale relativamente al Decreto Sicurezza. 
Anche questo bando, sulla scia delle esperienze già sperimentate con successo in passato, si rivolge ad associazioni di migranti residenti in Toscana, che vogliono finanziare azioni da svolgersi in larga parte nei propri paesi di origine. Cinque le proposte che saranno poi finanziate, con – da un lato – l’obiettivo di valorizzare le competenze e le conoscenze dei migranti nell’ambito della cooperazione internazionale, con un particolare focus sull’impresa sociale e – dall’altro – creare rete e favorire la collaborazione tra i soggetti del territorio toscano e quelli residenti nei territori esteri da cui provengono i migranti residenti in Toscana, assicurando così la partecipazione delle fasce sociali più svantaggiate e dei soggetti beneficiari diretti e indiretti.Le proposte dovranno pervenire tramite posta e via mail entro il 4 marzo (farà fede il timbro postale) e contenere il formulario (con le schede di partenariato firmate) e il budget, adeguatamente compilati.

Ultimi articoli

Sabato 2 Dicembre torna la Notte Rossa di Arci Toscana: la festa che ogni anno

Cura è rivoluzione sono le parole scelte dall’Arci per la campagna di tesseramento 2023-2024 che

Il 7 ottobre a Roma si terrà una grande manifestazione “La via maestra – Insieme

Si è concluso il progetto "Bambini al centro" che Arci Toscana insieme a Fondazione Prosolidar

La Giornata Mondiale del Rifugiato, è stata istituita il 4 dicembre 2000 dall’Assemblea Generale delle Nazioni

I bilanci sociali di Arci Toscana: IL BILANCIO SOCIALE DI ARCI TOSCANA 2021