Immigrazione ed Accoglienza

Arci Toscana, nel settore collegato alle politiche rivolte ai migranti, svolge molteplici attività che possiamo dividere in quattro grandi settori:

1)    Promozione e tutela dei diritti dei migranti e delle minoranze: Servizio di consulenza legale rivolto a richiedenti asilo, campagne di sensibilizzazione, promozione della partecipazione politica e della cittadinanza attiva dei migranti.

2)    Lotta al razzismo: Meeting Internazionale Antirazzista. Organizzato a Cecina è un appuntamento internazionale che si rinnova ogni anno dal 1995 e in cui si incontrano circa 1000 persone per discutere temi quali razzismo, esclusione sociale, immigrazione, diritti di cittadinanza; il Meeting, inoltre, mira a sensibilizzare giovani, associazioni, enti locali italiani ed europei a pensare a nuove politiche collegate al mondo dei migranti che vedano il cittadino straniero come risorsa. Tra le attività promosse dal Meeting, ricordiamo: laboratori, tavole rotonde, convegni, presentazione di libri ed eventi culturali, spettacoli (concerti, teatro, cinema), occasioni di incontro e scambio.  E’ organizzato da Arci Toscana ed è promosso dalla Regione Toscana, dai Comuni di Cecina, Rosignano Marittimo, Castagneto Carducci e dal CESVOT (Centro servizi Volontariato della Toscana).

3)    Educazione interculturale: interventi rivolti a minori in collaborazione con numerose scuole riguardanti l’educazione antirazzista e l’inserimento scolastico e la promozione delle pari opportunità formative degli allievi di origine straniera, realizzati attraverso l’organizzazione e conduzione di corsi di aggiornamento per insegnanti, la progettazione e realizzazione di attività didattiche compresi laboratori di italiano, attività di consulenza e l’elaborazione di materiali (dal 1995 al 2004). Interventi rivolti ad adulti attraverso l’organizzazione di corsi d’italiano L2, corsi d’informatica e di educazione civica.

4)    Accoglienza: nello specifico, ARCI Comitato Regionale Toscano opera nel settore dell’accoglienza di richiedenti e titolari di protezione internazionale o umanitaria dal 1999, anno in cui ha partecipato a un progetto pilota promosso da un consorzio di ONG e associazioni,  per far fronte all’arrivo dei profughi della guerra in Kosovo. Dall’esperienza di “Azione Comune” è nata la sperimentazione del Programma Nazionale Asilo (PNA), il quale, nonostante l’assenza in Italia di una legge organica sull’asilo, prevedeva una gestione istituzionale dell’accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati. Infine la sperimentazione è stata trasformata in prassi istituzionalizzata nel 2002, mediante il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) con un apposito Fondo di finanziamento. Dal 2004 al 2011 ARCI Comitato Regionale Toscano ha gestito i progetti di accoglienza attraverso l’associazione affiliata Accoglienza Toscana.

Attualmente ARCI Comitato Regionale Toscano è ente gestore di 10 progetti SPRAR

Ultimi articoli

𝗦𝗼𝗹𝗶𝗱𝗮𝗿𝗶𝗲𝘁𝗮̀ 𝗮𝗶 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗮𝘁𝗼𝗿𝗶 𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗮𝘁𝗿𝗶𝗰𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗚𝗞𝗡   Esprimiamo piena solidarietà e vicinanza ai lavoratori e

Si celebra oggi la 𝐆𝐢𝐨𝐫𝐧𝐚𝐭𝐚 𝐦𝐨𝐧𝐝𝐢𝐚𝐥𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐫𝐢𝐟𝐮𝐠𝐢𝐚𝐭𝐨. Molte saranno le iniziative promosse anche in Toscana

“Una decisione che attendevamo da tempo e che viene incontro alle aspettative delle migliaia di

𝗟𝗮 𝘃𝗶𝗼𝗹𝗲𝗻𝘇𝗮 𝗶𝗻 𝗣𝗮𝗹𝗲𝘀𝘁𝗶𝗻𝗮 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗶𝗻𝘂𝗮, 𝗴𝗶𝗼𝗿𝗻𝗼 𝗱𝗼𝗽𝗼 𝗴𝗶𝗼𝗿𝗻𝗼, 𝗹𝗮𝘀𝗰𝗶𝗮𝗻𝗱𝗼𝗰𝗶 𝗮𝘁𝘁𝗼𝗻𝗶𝘁𝗶 𝗱𝗶 𝗳𝗿𝗼𝗻𝘁𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗮 𝗯𝗿𝘂𝘁𝗮𝗹𝗶𝘁𝗮̀ 𝗰𝗵𝗲

"Nonostante il miglioramento dei contagi e del complessivo contesto sanitario, è stato scelto di mantenere

Per il secondo anno consecutivo, le iniziative per la Festa della Liberazione devono fare i

Liberi dal Gioco d'Azzardo. Arci Toscana, nell'ambito del Progetto GAP-ARP 2 "per lo svolgimento di

Prima al supermercato, poi nei Circoli Arci della Toscana. Non si ferma la diffusione di M, il Figlio

Con un voto definitivo alla camera dei deputati finalmente è stata cancellata l’ingiusta e incomprensibile