Progetti sociali

Le politiche sociali dell’associazione sono fortemente legate alla dimensione di promozione sociale, al fattore aggregante per la tenuta della coesione sociale, alla capacità di sviluppo e di crescita di un territorio. Crediamo che strumenti quali la prossimità, la cultura, l’ascolto attivo siano fondamentali per la costruzione di un moderno sistema di welfare che metta al centro il benessere delle persone e delle comunità.

La forte vocazione sociale di ARCI Toscana la vede impegnata su una molteplicità di temi quali il contrasto alle diseguaglianze e la lotta alla povertà, la promozione di pari diritti e pari opportunità per generi e generazioni diverse, il lavoro per la conservazione di una cultura e un’educazione popolare, il contrasto alle marginalità, alle dipendenze e a vecchie e nuove forme di esclusione sociale, la lotta contro ignoranza ed intolleranza nei confronti di ogni diversità.

L’associazione conserva intatta la capacità di diventare punto di sperimentazione e successivamente fulcro di diffusione e moltiplicazione di buone pratiche sui diversi territori, tentando di spingere oltre la riflessione e giungendo ad elaborare progettualità che riescano a rafforzare la nostra presenza capillare sul territorio regionale e la capacità delle nostre basi associative di essere luoghi aperti sul territorio, spazio pubblico, luoghi in cui vengono offerte risposte concrete ai bisogni emergenti, luoghi inclusivi.

Ultimi articoli

Il 20 giugno si celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale del Rifugiato, l’appuntamento

PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE E LAVORATIVA PER CITTADINI/E DI PAESI TERZI. ANALISI DELLA NORMATIVA, COSTRUZIONE

Iniziative ARCI Toscana 25 aprile 2020     Comitato di FIRENZE Sabato 25 aprile, La libertà è resistenza, Arci

Considerata la pubblicazione del D.L. n. 18 “Cura Italia” del 17 marzo 2020 relativo alle Misure di potenziamento

A causa dell'emergenza Coronavirus è stata disposta la sospensione del servizio di sportello. Il numero verde per rifugiati

Con l'entrata in vigore del decreto del 12 marzo 2020, viene disposta la sospensione delle