NovoModo 2016. Le relazioni che trasformano i conflitti in dialogo

NovoModo 2016. Le relazioni che trasformano i conflitti in dialogo

Prende il via domani, venerdì 21 ottobre, la terza edizione di Novo Modo, i tre giorni di incontro e confronto in programma presso l’ Auditorium di Sant’Apollonia (via San Gallo 25, Firenze). Le relazioni che trasformano i conflitti in dialogo: questo il tema dell’edizione 2016 dell’evento che riunirà in Toscana centinaia di partecipanti, fin dalla giornata inaugurale che declinerà la tematica principale su questioni legate a territorio e rigenerazione urbana.Arci Toscana ha invitato a partecipare a due incontri (sabato alle ore 20 “People before border” e domenica alle ore 15  “Guerra, terrorismo e fondamentalismo”) Pepijn Kennis e Felix Aerts, rappresentanti dell’associazione “Toestand”, che opera a Bruxelles  in un luogo “di frontiera”: il quartiere di Molenbeek. Toestand riconverte gli spazi cittadini abbandonati in luoghi di incontro e di formazione a scopi socio – culturali, rendendo rigenerazione e inclusione le chiavi di volta per decostruire la narrazione jihadista e creare legami di comunità fondati su rispetto e dialogo.Domenica 23 ottobre, alle 10, interverrà anche la presidente nazionale di Arci Francesca Chiavacci, relatrice del seminario “Emergenza migranti: cause e risposte oltre i luoghi comuni”, durante il quale si discuterà di come affrontare nella maniera più giusta e più rispettosa del diritto di tutti – residenti delle comunità e migranti – quello che ormai è da considerarsi né più né meno un tema strutturale e per l’Europa e per l’Italia.Perché Arci a Novo Modo?Attorno a Novo Modo ruotano le principali realtà che compongono il variegato universo dell’Associazionismo nel nostro Paese, soggetti impegnati da sempre, per vocazione e per statuto, nella promozione di una società più equa, più consapevole e più rispettosa dei bisogni dei cittadini, al di là dei limiti e dei confini.Arci ogni giorno dedica la propria azione alla salvaguardia e alla crescita dei luoghi di socialità e di confronto, ferma nella propria convinzione che senza la partecipazione di tutti e senza la responsabilizzazione di tutti non si produrrà quel cambiamento che oggi si rende necessario per un’inversione di tendenza a livello globale, che veda al centro delle politiche internazionali le persone, con i loro diritti e le loro istanze.Particolarmente importante, a nostro avviso, che l’edizione di questo anno si concentri sul binomio “relazioni – conflitti”, fulcro della riflessione che tutti noi siamo chiamati a fare per gettare le basi di una società migliore. Nella vita politica su scala globale, così come nel privato di tanti cittadini, la crisi ha lentamente generato una visione dell’altro in termini di opposizione e contrapposizione, favorendo l’attecchire di egoismi sia a livello individuale sia a livello nazionale. Muri di incomunicabilità tra le persone preparano il terreno per i muri fisici, per le barriere che in troppi Paesi d’Europa e del mondo e si stanno erigendo.L’incapacità o, peggio, l’assenza di una chiara volontà da parte dei governi di fare scelte dettate dall’interesse dei cittadini e dei territori, a favore, invece, dell’interesse finanziario, non può che far perdere di vista la necessità di relazioni sane, giocate sul confronto e la cooperazione, sul diritto e sulla sostenibilità. Assistiamo, di conseguenza, al proliferare di relazioni squilibrate, in cui le parti si contrappongono e ciascuna cerca di sopraffare l’altra.Per questo a Novo Modo vogliamo ripartire da qui: dal dialogo, dal confronto, dall’ascolto e dalla conoscenza reciproca. Questo è quello che facciamo ogni giorno nei nostri spazi come Arci e questo è quello che faremo nella tre giorni di Firenze.La partecipazione agli eventi è gratuita, per la registrazione e per il programma completo è sufficiente visitare il sito http://www.novomodo.org/ www.novomodo.org” Gli eventi saranno trasmessi in diretta streaming su http://www.novomodo.org/ Intoscana”Novo Modo è un’iniziativa culturale organizzata e promossa da: Acli, Arci, Banca Etica, Caritas Italiana, Cisl, Fairtrade Italia, CTM Altromercato, First Social Life, Fondazione Culturale Responsabilità Etica, Legambiente, Libera – Associazione, nomi e numeri contro le mafie, Made in the World, Next Nuova economia per tutti, Scuola di Economia Civile, Polo Bonfanti Lionello, Con il patrocinio della Regione Toscana e del Comune di Firenze e l’Università degli Studi di Firenze.

Ultimi articoli

Sabato 2 Dicembre torna la Notte Rossa di Arci Toscana: la festa che ogni anno

Cura è rivoluzione sono le parole scelte dall’Arci per la campagna di tesseramento 2023-2024 che

Il 7 ottobre a Roma si terrà una grande manifestazione “La via maestra – Insieme

Si è concluso il progetto "Bambini al centro" che Arci Toscana insieme a Fondazione Prosolidar

La Giornata Mondiale del Rifugiato, è stata istituita il 4 dicembre 2000 dall’Assemblea Generale delle Nazioni

I bilanci sociali di Arci Toscana: IL BILANCIO SOCIALE DI ARCI TOSCANA 2021