La grande mobilitazione dell’Arci ha avuto effetto

La grande mobilitazione dell’Arci ha avuto effetto

L’abrogazione dell’art. 108 della legge di Bilancio è una buona notizia che arriva dopo settimane di preoccupazione. La norma, finalmente cancellata dalla manovra finanziaria, avrebbe infatti causato la fine di decine di migliaia di esperienze dell’associazionismo no profit e di promozione sociale e culturale del Terzo settore assoggettandole incomprensibilmente al regime commerciale. Vogliamo ringraziare il Parlamento ed il governo per aver accolto le nostre richieste ed evitato ricadute drammatiche sul tessuto sociale del nostro paese già fortemente provato dalla crisi legata alla pandemia. Ma ringraziamo anche le tantissime persone, socie, soci, dirigenti, militanti e volontari dei circoli e dei comitati che in Toscana come in Italia hanno fatto sentire forte la loro voce, mobilitandosi assieme in una grande manifestazione corale venerdì 18 dicembre ed interloquendo con grande efficacia con i propri rappresentanti ad ogni livello. Grazie dunque allora anche alla Regione Toscana che ci è stata di nuovo vicina, alle donne e agli uomini che rappresentano la Toscana in Parlamento, alle forze politiche, all’Anci e ai tantissimi sindaci che si sono uniti a noi in questa lotta. Questo successo della nostra grande mobilitazione nazionale arriva mentre è in corso l’attuazione di una Riforma del Terzo Settore che chiede alle associazioni grandissimi sforzi organizzativi, economici e di trasparenza, per mantenere il riconoscimento della propria funzione di interesse generale, fuori dalle logiche di mercato.

L’abrogazione dell’art. 108 non risolve di certo i gravi problemi e le grandi difficoltà che stanno vivendo migliaia di circoli nella nostra Regione. Permane l’ingiusta discriminazione che conferma la chiusura delle nostre strutture e la sospensione delle attività a fronte della possibilità di aprire ed esercitare somministrazione delle attività commerciali, situazione che ci impedisce di dare corso alle nostre attività sociali e di poter ospitare nei circoli le pur poche attività culturali il cui svolgimento è permesso dalle ordinanze regionali. La Regione Toscana ha cercato, nei limiti di quanto possibile, di alleviare questa situazione permettendoci alcune e limitate attività, con cui i circoli danno continuità all’impegno mutualistico con i propri soci e con cui concorrono al sostegno delle attività tramite l’autofinanziamento. Ma il problema permane, e viviamo il permanere questa ingiustizia con grande rammarico, anche perché la nostra Associazione ha sempre interpretato con responsabilità, ordine e severità i protocolli sanitari anticontagio.

Ci auguriamo a questo punto che il governo faccia chiarezza e, come chiesto più volte dall’Arci, rimuova i dispositivi che ci penalizzano e discriminano e intraprenda con decisione un riordino positivo delle norme fiscali che riguardano il Terzo Settore agevoli il lavoro delle organizzazioni che stanno dimostrando, anche durante questa seconda ondata, grande tenacia e determinazione, fortificando la rete solidale, le iniziative dei volontari e aiutando concretamente chi più sta subendo la crisi legata all’emergenza sanitaria.

Ultimi articoli

Siena. La tenuta di Suvignano apre di nuovo le sue porte a due campi della

Si è concluso al Parco della Cecinella di Cecina Mare, il ventisettesimo MIA – Meeting Internazionale

𝗦𝗼𝗹𝗶𝗱𝗮𝗿𝗶𝗲𝘁𝗮̀ 𝗮𝗶 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗮𝘁𝗼𝗿𝗶 𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗮𝘁𝗿𝗶𝗰𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗚𝗞𝗡   Esprimiamo piena solidarietà e vicinanza ai lavoratori e

Si celebra oggi la 𝐆𝐢𝐨𝐫𝐧𝐚𝐭𝐚 𝐦𝐨𝐧𝐝𝐢𝐚𝐥𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐫𝐢𝐟𝐮𝐠𝐢𝐚𝐭𝐨. Molte saranno le iniziative promosse anche in Toscana

“Una decisione che attendevamo da tempo e che viene incontro alle aspettative delle migliaia di

𝗟𝗮 𝘃𝗶𝗼𝗹𝗲𝗻𝘇𝗮 𝗶𝗻 𝗣𝗮𝗹𝗲𝘀𝘁𝗶𝗻𝗮 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗶𝗻𝘂𝗮, 𝗴𝗶𝗼𝗿𝗻𝗼 𝗱𝗼𝗽𝗼 𝗴𝗶𝗼𝗿𝗻𝗼, 𝗹𝗮𝘀𝗰𝗶𝗮𝗻𝗱𝗼𝗰𝗶 𝗮𝘁𝘁𝗼𝗻𝗶𝘁𝗶 𝗱𝗶 𝗳𝗿𝗼𝗻𝘁𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗮 𝗯𝗿𝘂𝘁𝗮𝗹𝗶𝘁𝗮̀ 𝗰𝗵𝗲

"Nonostante il miglioramento dei contagi e del complessivo contesto sanitario, è stato scelto di mantenere

Per il secondo anno consecutivo, le iniziative per la Festa della Liberazione devono fare i

Liberi dal Gioco d'Azzardo. Arci Toscana, nell'ambito del Progetto GAP-ARP 2 "per lo svolgimento di

Prima al supermercato, poi nei Circoli Arci della Toscana. Non si ferma la diffusione di M, il Figlio