Fermare il massacro ad Afrin!

Fermare il massacro ad Afrin!

Dopo aver tagliato l’energia elettrica e avvelenato i pozzi d’acqua, le forze dell’esercito turco con i miliziani arabi loro alleati hanno ieri colpito l’ospedale durante il bombardamento. Sono già oltre 100 le vittime civili e più del doppio i feriti tra la popolazione. Chiediamo che la comunità internazionale batta un colpo per fermare questo massacro, imponendo immediatamente un cessate-il-fuoco, l’apertura di corridoi per garantire la consegna di aiuti umanitari e sanitari per consentire la messa in sicurezza dei feriti e dei civili.Chiediamo che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite si riunisca con procedura d’urgenza per l’istituzione di una no-fly zone sopra la città di Afrin e richiamare il governo di Erdogan alle proprie responsabilità.Grazie alle denunce della Mezzaluna Rossa Curda – che è l’unica fonte di informazioni per quanto sta accadendo nella città – nessuno potrà dire che non sapeva!

Ultimi articoli

Ha preso il via oggi, lunedì 30 maggio, un nuovo campo della legalità Suvignano #benecomune

In occasione del 17 Maggio abbiamo voluto marcare il segno del nostro impegno, accendendo la luce

COMUNITA' GLOBALI - Solidarietà internazionale e volontariato per tutt* Corso di formazione del Cesvot in collaborazione

Finalmente, dopo due anni in cui la Festa della Liberazione ha dovuto fare i conti

ROMA 30 MARZO 2022 - ‘Accoglienti per Natura’: sono le parole scelte dall’Arci per la

La guerra torna in Europa. Le nostre comunità partecipano con sgomento ed incredulità ai sentimenti

Firenze, 11 febbraio 2022 - Siamo molto preoccupati per la salute delle nostre comunità. I dati che

ARCI Toscana, con il contributo con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese, sostiene