Elezioni Regionali: in Toscana si conferma il forte radicamento degli ideali della Sinistra

Elezioni Regionali: in Toscana si conferma il forte radicamento degli ideali della Sinistra

Arci Toscana si felicita con Eugenio Giani per la sua elezione a Presidente della Giunta Regionale e gli augura un buon lavoro. Si tratta di un risultato importante che conferma come la maggioranza delle toscane e dei toscani coltivi nel proprio animo valori di sinistra e sentimenti di democrazia e progresso umano. Si conferma peraltro un’alta partecipazione al voto regionale, molto superiore al 48% delle regionali di 5 anni fa: un aspetto positivo che segnala come in un periodo difficile la popolazione toscana abbia reagito con responsabilità e sentendosi coinvolta. Questo netto risultato, non distante da quello delle elezioni del 2015, va ascritto anche alla maniera con cui l’amministrazione regionale uscente ha presidiato con costanza e continuità gli aspetti di governo più vicini ai bisogni della popolazione: sanità, servizi sociali, scuola, lavoro, infrastrutture e coesione sociale, e questo con un il coinvolgimento dell’associazionismo e del Terzo Settore. Il consenso politico contemporaneo della popolazione toscana è meno condizionato di prima dall’appartenenza partitica, certamente più selettivo e disincantato, ma nella popolazione resta solida una passione civile che sa unire idealità e pragmatismo, rifiutando le parole cariche di rivalsa e sentimenti negativi con cui le destre hanno di nuovo contrassegnato la propria offerta elettorale. Un successo che ha un significato ancora maggiore perché arriva in un contesto di crisi e di incertezze sul futuro che altrove, in altre regioni, ha spinto l’elettorato a dare credito alle soluzioni semplificanti e alle scorciatoie offerte dai partiti sovranisti e populisti.

“La Toscana reagisce con buon senso alla difficile prova elettorale regionale e oppone con orgoglio i propri valori di progresso e giustizia al vento di destra che soffia da tempo in Italia ed in Europa.” – dice Gianluca Mengozzi, presidente di Arci Toscana – “La nostra Regione è una terra di passioni, civiltà e buongoverno, come ha dimostrato la Giunta del Presidente Rossi amministrando bene per 10 anni la cosa pubblica e reagendo con successo alle difficoltà della pandemia. La vittoria delle forze progressiste afferma con evidenza che la cultura ed i principi della sinistra sono profondamente radicati nella nostra Regione, e che le nuove generazioni hanno saputo coltivare e rendere contemporanei gli ideali di libertà, uguaglianza, democrazia e accoglienza che caratterizzano le nostre comunità, legate da un comune rifiuto di tutti i fascismi. Noi dell’Arci siamo certi che il Presidente Giani e la nuova giunta regionale sapranno dare continuità al fruttuoso dialogo tra il governo della Regione e l’associazionismo dei circoli e delle case del popolo, intrepretando così le aspettative di decine di migliaia di persone che ogni giorno rendono migliore la nostra Toscana con l’impegno volontario e la propria militanza civile.”

Ma le forze politiche toscane non facciano l’errore di cullarsi sugli allori della vittoria elettorale e diano subito un segnale inequivocabile di contrasto alla rarefazione del tessuto di partecipazione dei partiti progressisti. Si riattivino da subito i terminali del rapporto tra le istituzioni e la società, si coltivi e si renda fitta con passione la rete istituzionale e organizzativa. E soprattutto si rafforzi e si dia continuità ad un dialogo paritario con l’associazionismo senza pretese di autosufficienza: queste sono le condizioni, assieme al buongoverno, per conservare, aggiornare e rilanciare l’egemonia dei valori di sinistra nella nostra Regione. Per rafforzare questo auspicio, attendiamo con grande attenzione il completarsi dello scrutinio, augurandoci che il mondo della sinistra possa avere una rappresentanza plurale e consistente nel prossimo Consiglio e nella Giunta regionale.

Ultimi articoli

Partirà il 1 ottobre il tesseramento Arci 2020-2021. ‘Sempre Attiva e Resistente’ è il messaggio scelto

Arci Toscana si felicita con Eugenio Giani per la sua elezione a Presidente della Giunta

Va in archivio la XXVI edizione del MIA – Meeting Internazionale Antirazzista di Arci Toscana,

A settembre la XXVI edizione del MIA – Meeting Internazionale Antirazzista di Arci    Da giovedì 10 a

Sono dieci i ragazzi in arrivo da tutta la provincia di Siena che ieri, lunedì

Il 20 giugno si celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale del Rifugiato, l’appuntamento

PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE E LAVORATIVA PER CITTADINI/E DI PAESI TERZI. ANALISI DELLA NORMATIVA, COSTRUZIONE

Iniziative ARCI Toscana 25 aprile 2020     Comitato di FIRENZE Sabato 25 aprile, La libertà è resistenza, Arci