Circoli, Acli, Arci e MCL Toscana: “Sanata in parte una palese ingiustizia”

Circoli, Acli, Arci e MCL Toscana: “Sanata in parte una palese ingiustizia”

“Una decisione che attendevamo da tempo e che viene incontro alle aspettative delle migliaia di soci e volontari che si adoperano, ogni giorno, per mandare avanti quelli che sono a tutti gli effetti presidi sociali del nostro territorio”.

I presidenti Acli, Arci e MCL della Toscana, Giacomo Martelli, Gianluca Mengozzi e Pierandrea Vanni accolgono con soddisfazione l’ordinanza di Regione Toscana che consente, da subito, attività culturali, sportive, ricreative, educative e corsistiche nei circoli ricreativi della Toscana.

“La piena attività, come da decreto nazionale, riprenderà solo il primo luglio – spiegano Giacomo Martelli, Gianluca Mengozzi e Pierandrea Vanni. Una decisione che abbiamo sempre ritenuto ingiusta, in quanto i circoli sono in grado di garantire tutte le precauzioni sanitarie previste dai protocolli, al pari degli esercizi commerciali a cui invece è stato già concesso di riaprire. Se da un lato questa ordinanza compensa in parte il danno subito, dall’altro conferma, ancora un volta, il valore del nostro lavoro. I 1.500 circoli della Toscana sono pronti a riaprire le porte e a contribuire con le proprie attività di animazione sociale alla ripartenza delle comunità toscane di cui sono una parte fondamentale”.

Ultimi articoli

Siena. La tenuta di Suvignano apre di nuovo le sue porte a due campi della

Si è concluso al Parco della Cecinella di Cecina Mare, il ventisettesimo MIA – Meeting Internazionale

𝗦𝗼𝗹𝗶𝗱𝗮𝗿𝗶𝗲𝘁𝗮̀ 𝗮𝗶 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗮𝘁𝗼𝗿𝗶 𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗮𝘁𝗿𝗶𝗰𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗚𝗞𝗡   Esprimiamo piena solidarietà e vicinanza ai lavoratori e

Si celebra oggi la 𝐆𝐢𝐨𝐫𝐧𝐚𝐭𝐚 𝐦𝐨𝐧𝐝𝐢𝐚𝐥𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐫𝐢𝐟𝐮𝐠𝐢𝐚𝐭𝐨. Molte saranno le iniziative promosse anche in Toscana

“Una decisione che attendevamo da tempo e che viene incontro alle aspettative delle migliaia di

𝗟𝗮 𝘃𝗶𝗼𝗹𝗲𝗻𝘇𝗮 𝗶𝗻 𝗣𝗮𝗹𝗲𝘀𝘁𝗶𝗻𝗮 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗶𝗻𝘂𝗮, 𝗴𝗶𝗼𝗿𝗻𝗼 𝗱𝗼𝗽𝗼 𝗴𝗶𝗼𝗿𝗻𝗼, 𝗹𝗮𝘀𝗰𝗶𝗮𝗻𝗱𝗼𝗰𝗶 𝗮𝘁𝘁𝗼𝗻𝗶𝘁𝗶 𝗱𝗶 𝗳𝗿𝗼𝗻𝘁𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗮 𝗯𝗿𝘂𝘁𝗮𝗹𝗶𝘁𝗮̀ 𝗰𝗵𝗲

"Nonostante il miglioramento dei contagi e del complessivo contesto sanitario, è stato scelto di mantenere

Per il secondo anno consecutivo, le iniziative per la Festa della Liberazione devono fare i

Liberi dal Gioco d'Azzardo. Arci Toscana, nell'ambito del Progetto GAP-ARP 2 "per lo svolgimento di

Prima al supermercato, poi nei Circoli Arci della Toscana. Non si ferma la diffusione di M, il Figlio