Chi ha paura del libro cattivo?

Chi ha paura del libro cattivo?

Letture per i diritti.Arci invita i suoi circoli a organizzare letture corali dei 49 libri di favole per bambini messi all’indice dal sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, perché ispirate alla fantomatica teoria gender.Un mobilitazione contro l’oscurantismo e la censura che accompagnano il vuoto normativo sul tema dei diritti civili, contro la pretesa di imporre al Paese un arretramento culturale tanto infarcito di banalità quanto spaventoso, che cerca di impedire che il sistema scolastico educhi all’uguaglianza, al rispetto delle diversità e alla parità di genere.Un’iniziativa nazionale che vuol creare una rete tra i circoli e dare la massima visibilità agli appuntamenti tesi a riaffermare il principio della laicità e dell’universalità del diritto attraverso l’arte, la cultura e l’intrattenimento.I circoli che decideranno di aderire, con maratone di lettura e altre iniziative come dibattiti, spettacoli musicali o teatrali, dovranno comunicarlo ai rispettivi Comitati di riferimento.Sul sito si Arci nazionale sarà dedicata una pagina ad hoc all’iniziativa, con mappe interattive e l’elenco dei circoli aderenti, oltre a quello dei 49 libri messi all’indice. 

Ultimi articoli

Sabato 2 Dicembre torna la Notte Rossa di Arci Toscana: la festa che ogni anno

Cura è rivoluzione sono le parole scelte dall’Arci per la campagna di tesseramento 2023-2024 che

Il 7 ottobre a Roma si terrà una grande manifestazione “La via maestra – Insieme

Si è concluso il progetto "Bambini al centro" che Arci Toscana insieme a Fondazione Prosolidar

La Giornata Mondiale del Rifugiato, è stata istituita il 4 dicembre 2000 dall’Assemblea Generale delle Nazioni

I bilanci sociali di Arci Toscana: IL BILANCIO SOCIALE DI ARCI TOSCANA 2021