Festeggiamo il 1° maggio nei circoli e non nei centri commerciali

Festeggiamo il 1° maggio nei circoli e non nei centri commerciali

Non condividiamo la proposta di alcune categorie di commercianti ed enti locali di lavorare il 1° maggio. Ci rendiamo conto che la crisi economica mette in difficoltà alcune categorie, ma questo non può portare a teorizzare un terribile e ininterrotto ciclo di lavoro.Tanto più importante è mantenere il carattere di festa del 1° maggio, perchè legato proprio al tema del lavoro.Invitiamo per questo le cittadine e i cittadini di prendere parte ad una delle tante iniziative che i circoli e le case del popolo organizzano per questa giornata, invece di cedere per un giorno alle tentazioni consumistiche.Vincenzo Striano, Presidente Arci Toscana
Tanto più importante è mantenere il carattere di festa del 1° maggio, perchè legato proprio al tema del lavoro.Invitiamo per questo le cittadine e i cittadini di prendere parte ad una delle tante iniziative che i circoli e le case del popolo organizzano per questa giornata, invece di cedere per un giorno alle tentazioni consumistiche. 

Ultimi articoli

ROMA, 16 APRILE 2024 – Si aprirà giovedì 18 aprile a Prato, per concludersi il

ARCI AREZZO CON LA PALESTINA NEL CUORE: dalle ore 10 camminata e letture sui luoghi

Sabato 2 Dicembre torna la Notte Rossa di Arci Toscana: la festa che ogni anno

Cura è rivoluzione sono le parole scelte dall’Arci per la campagna di tesseramento 2023-2024 che

Il 7 ottobre a Roma si terrà una grande manifestazione “La via maestra – Insieme

Si è concluso il progetto "Bambini al centro" che Arci Toscana insieme a Fondazione Prosolidar

La Giornata Mondiale del Rifugiato, è stata istituita il 4 dicembre 2000 dall’Assemblea Generale delle Nazioni