Decreto ‘Rosarno’, l’Arci attiva un numero verde: 800999977

Decreto ‘Rosarno’, l’Arci attiva un numero verde: 800999977

Gli italiani non vogliono fare sacrifici per i cacciabombardieri F35, soprattutto in tempi di spending review. A sostenerlo sono le organizzazioni promotrici della campagna Taglia le ali alle armi, promossa da Rete italiana per il disarmo, Sbilanciamoci! e Tavola della pace, che ha raccolto oltre 75mila firme e ha ottenuto il sostegno di 650 associazioni e oltre 60 enti locali tra Regioni, Province e Comuni. Le firme sono state consegnate solo simbolicamente, durante una manifestazione tenutasi a Piazza Montecitorio. 
 Il Decreto che recepisce la Direttiva n.52 definisce finalmente uno strumento concreto per attenuare lo squilibrio che determina la discriminazione, dando la possibilità a chi denuncia il suo sfruttatore di ottenere un permesso di soggiorno, non rischiando, come avveniva fino ad oggi, l’espulsione a seguito dell’apertura di una vertenza.La norma transitoria è uno strumento straordinario che fornisce una risposta parziale all’ingiustizia prodotta dalla legge, in particolare dal meccanismo paradossale che prevede una modalità impercorribile di ingresso per lavoro, attraverso al chiamata diretta nominativa, ossia l’incontro planetario tra domanda e offerta di lavoro.L’ARCI ha già attivato il numero verde SOS Diritti 800999977, che risponderà dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 17.30 e sarà in funzione per tutto il periodo previsto per l’emersione dalla norma transitoria, dando informazioni sulla procedura prevista, raccogliendo denunce di discriminazioni e abusi, denunciando le eventuali truffe che verranno comunicate. Verranno inoltre attivati i servizi di consulenza sul territorio.Il provvedimento del Governo, che abbiamo accolto complessivamente in modo positivo, contiene purtroppo molti elementi contradditori e non sembra aver tenuto conto degli errori del passato, avendo introdotto diversi punti che inevitabilmente solleveranno contenziosi tra pubblica amministrazione, datori di lavoro e lavoratori, e potranno dar luogo a truffe.Auspichiamo la riapertura di un tavolo di confronto tra le organizzazioni sociali e il governo per contenere i danni degli aspetti negativi del provvedimento.Da parte nostra denunceremo ogni sopruso da parte di singole persone o uffici pubblici, come già in passato, e monitoreremo l’andamento dell’emersione pubblicandone i dati on line.

Ultimi articoli

Sabato 2 Dicembre torna la Notte Rossa di Arci Toscana: la festa che ogni anno

Cura è rivoluzione sono le parole scelte dall’Arci per la campagna di tesseramento 2023-2024 che

Il 7 ottobre a Roma si terrà una grande manifestazione “La via maestra – Insieme

Si è concluso il progetto "Bambini al centro" che Arci Toscana insieme a Fondazione Prosolidar

La Giornata Mondiale del Rifugiato, è stata istituita il 4 dicembre 2000 dall’Assemblea Generale delle Nazioni

I bilanci sociali di Arci Toscana: IL BILANCIO SOCIALE DI ARCI TOSCANA 2021