La regolarizzazione 2012 e l’incertezza del diritto

La regolarizzazione 2012 e l’incertezza del diritto

Una giornata di studio e riflessione sulle politiche di inclusione sociale delle popolazioni Rom in una prospettiva di superamento di ogni condizione di separazione dal contesto civile e sociale delle nostre comunità.In tale giornata verrà anche presentata la strategia nazionale d’inclusione dei Rom, dei Sinti e dei Caminanti adottata in attuazione di comunicazione della Commissione Europea n. 173/2011. Come indicato nella premessa la strategia nazionale prende atto “della necessità, non solo di fornire all’Unione Europea le risposte che sono fino ad oggi mancate, ma al tempo stesso di segnare una Strategia che possa guidare nei prossimi anni, una concreta attività di inclusione dei Rom, Sinti e Caminanti (RSC), superando definitivamente la fase emergenziale che, negli anni passati, ha caratterizzato l’azione soprattutto nelle grandi aree urbane”.FONDAZIONE REGIONE TOSCANA GIOVANNI MICHELUCCIAssessorato Welfare e Politiche per la CasaI ROM IN TOSCANATRA INNOVAZIONE E NUOVE CRITICITÀVenerdì 21 settembreAuditorium di S. ApolloniaVia S. Gallo 25 – Firenze 
  E’ opportuno ricordare solo la più recente ‘bestialità’, sanata dalla Corte Costituzionale: il divieto per il cittadino italiano di sposarsi a casa propria, introdotto dal cosiddetto ‘decreto sicurezza’, che pretendeva di esigere un permesso di soggiorno per motivi di lavoro anche per contrarre matrimonio in Italia con un/a italiano/a. Il decreto di ‘emersione’ che diviene operativo dal 15 settembre non fa eccezione a questa regola di sciatteria legislativa: al suo interno contiene una ‘perla’ che lo renderà inapplicabile in numerosissimi casi, e lo collocherà nel novero delle leggi emanate per non funzionare (ed arricchire azzeccagarbugli e legulei). Originalissimamente, viene richiesto al datore di lavoro che fa ‘emergere’ il proprio dipendente precedentemente assunto ‘in nero’, di dimostrare la presenza del lavoratore straniero sul territorio nazionale almeno alla data del 31 dicembre 2011, attraverso documentazione proveniente da organismi pubblici. Il lavoratore straniero di cui parliamo è in Italia senza permesso o, come si usa dire, clandestinamente. Una delle sue preoccupazioni principali è, ovviamente, nascondersi da qualsiasi organismo pubblico, che ne constaterebbe la condizione irregolare. Di conseguenza, il possesso di documentazione proveniente da organismi pubblici attestante la sua presenza in Italia nell’anno 2011 è un’eventualità eccezionale. In pratica, nella maggioranza dei casi, i datori di lavoro, a favore dei quali è stata ideata e promulgata la ‘emersione’, non potranno utilizzarla, in quanto non dispongono della documentazione richiesta: di conseguenza, molta parte dei lavoratori irregolari rimarrà nel sommerso ed il datore di lavoro, non potendo ‘ravvedersi’, sarà soggetto alle inasprite sanzioni imposte dalla Unione Europea. È inoltre prevedibile che in molti casi i datori di lavoro produrranno documentazione ‘proveniente da organismi pubblici’ ma di dubbia riconoscibilità: è organismo pubblico un medico di base? Un consolato estero? Un Ente incaricato di pubblico servizio come il trasporto pubblico? Siamo di fronte all’ennesimo capolavoro giuridico, che produce un’unica certezza: l’aumento dell’incertezza del diritto e della sfiducia nei rapporti fra i cittadini e pubblica amministrazione.In allegato un approfondimento sulla sanatoria

Ultimi articoli

I bilanci sociali di Arci Toscana: IL BILANCIO SOCIALE DI ARCI TOSCANA 2021

Il progetto di cooperazione TRAIT D’union – Travail et Inclusion pour les Territoires et le Développement

Progetto LOGIN Networks Il progetto Log-In Networks nasce dai lavori della Cabina di Regia Africa della

‘Accoglienti per natura’ è lo slogan scelto dall’Arci per la raccolta del 5×1000 Irpef. I Circoli Arci

Selezione Focal Point di progetto in Tunisia Arci Toscana sta selezionando un/a Focal Point di progetto

Basta guerra! Vinciamo con la pace - LE INIZIATIVE IN TOSCANA NEL FINE SETTIMANA 24 𝘍𝘦𝘣𝘣𝘳𝘢𝘪𝘰

L'impegno delle organizzazioni della società civile per la cooperazione allo sviluppo sta crescendo, per rispondere