I CARA devono essere chiusi

I CARA devono essere chiusi

 Se non fosse per la drammaticità della situazione, verrebbe da sorridere alla notizia che il Ministro Alfano abbia oggi disposto un’ispezione al CARA (Centro di Accoglienza Richiedenti Asilo) di Foggia dopo l’appello di Eugenio Scalfari dalle pagine di Repubblica e soprattutto dopo l’ennesimo, drammatico, reportage di Fabrizio Gatti: non il primo per la verità, ma l’unico ad aver suscitato (finalmente) l’indignazione da parte di molti.Fa sorridere perchè a pensarci bene il Ministero dell’Interno dovrebbe ispezionare se stesso dato che gli attuali 10 CARA presenti sul territorio nazionale sono a gestione “quasi diretta” del Ministero stesso ed esulano dai due sistemi principali di accoglienza come i centri CAS o SPRAR che vedono coinvolte, più o meno attivamente, le comunità territoriali.Sono anni che denunciamo le storture di un sistema d’accoglienza che non è sistema ma un insieme magmatico di modalità che non comunicano tra loro, in cui il solo sistema SPRAR pare davvero calato nelle realtà territoriali e quindi gestito, prima di tutto, nel pieno rispetto della dignità umana. Al contrario dei CARA, veri e propri parcheggi per essere umani, spesso fatiscenti e abbandonati, quasi sempre fuori da qualsivoglia contatto con la realtà che li circonda e, altrettanto spesso, oggetto degli appetiti più torbidi.Occorre chiudere immediatamente con questa ignobile idea di accoglienza e virare con coraggio ed esclusivamente sull’accoglienza diffusa e dei piccoli numeri. Una accoglienza pensata, organizzata e promossa insieme agli Enti Locali, uniche istituzioni in grado di farla diventare un terreno di opportunità anche per le comunità ospitanti, oltre che luoghi di vera e propria crescita e condivisione per i migranti accolti.Foggia, Mineo, Brindisi, Crotone e gli altri CARA devono essere chiusi. Non ci siano in questo senso titubanze o mezze misure. Non può essere questa l’Europa che si richiama a Ventotene e a quegli straordinari valori.   

Ultimi articoli

Sabato 2 Dicembre torna la Notte Rossa di Arci Toscana: la festa che ogni anno

Cura è rivoluzione sono le parole scelte dall’Arci per la campagna di tesseramento 2023-2024 che

Il 7 ottobre a Roma si terrà una grande manifestazione “La via maestra – Insieme

Si è concluso il progetto "Bambini al centro" che Arci Toscana insieme a Fondazione Prosolidar

La Giornata Mondiale del Rifugiato, è stata istituita il 4 dicembre 2000 dall’Assemblea Generale delle Nazioni

I bilanci sociali di Arci Toscana: IL BILANCIO SOCIALE DI ARCI TOSCANA 2021