Contro il nuovo fascismo, noi ci siamo

Contro il nuovo fascismo, noi ci siamo

Settembre Rosso torna per la sesta edizione del festival, dal 28 giugno al 7 luglio al Parco di Serravalle di Empoli con concerti, ristorante, pizzeria, dibattiti, teatro, libreria e presentazione di libri, mostre, aperitivi, dj set, bar e birreria sempre aperti, iniziative di solidarietà, volontariato, stand di associazioni, nel cuore verde di Empoli, il parco urbano di Serravalle, rigorosamente ad ingresso gratuito!Di seguito il programma delle serate:- venerdì 28 giugno: ore 22 concerto Betta Blues Society live @SRosso 2019- sabato 29 giugno: ProPride!dalle 20 cena a favore del Toscana Pride con la partecipazione di Maria Chiara Panesi referente diritti civili ARCI Toscana. Dalle 22 interventi dal palco e dj set con NUDM Empolese Valdelsa- domenica 30 giugno: dalle 21.30 Un Gramsci mai visto @SRosso 2019 con musiche di Angelo D’Orsi ed i VinCanto- lunedì 1 luglio: dibattito “Partigiani del confederalismo democratico VS tutti i fascismi” con ospiti Eddi Marcucci e Jacopo Bindi – combattenti YPJ e YPG rientrati in Italia, indagati dalla procura di Torino, Erdal Karabey – Comunità Curda Toscana e Alessandro Orsetti – padre di Lorenzo- martedì 2 luglio: dibattito “Palestinesi di Libano: 70 anni di ingiustizia” con ospite Carla Cocilova – Arci Toscana, l’associazione Prima Materia e attivisti di ritorno dal viaggio di conoscenza Arci in Libano- mercoledì 3 luglio: dalle 18 Cultura Operaia: Baldanzi, Officina Narrativa, Officina 24- Presentazione di “Figlia di una vestaglia blu” con Simona Baldanzi e a seguire presentazione dei progetti “Officina Narrativa” (PAP Empolese Valdelsa) ed “Officina 24” (lavoratori e delegati FIOM Piaggio). Alle 21.30 dibattito “La rabbia delle periferie: “Popolo chi?”organizzata assieme a Potere al Popolo – Empolese Valdelsa. Intervengono: Carlotta Caciagli, Niccolò Bertuzzi, Lorenzo Cini – autori del libro; Chiara Salvadori – Arci Empolese Valdelsa;Paolo Grasso – CGIL empolese valdelsa;Leonardo Masi – Consigliere Comunale Buongiorno Empoli – Fabrica Comune- giovedì 4 luglio: dalle 18 dibattito dal titolo “Salute mentale – verso una felicità sotto controllo”. Intervengono: Alberto Zino – psicanalista e scrittore e alcuni8 militanti del Collettivo Antipsichiatrico Pisa. Alle 21.30 The Milky Way: la rotta alpina dei migranti (proiezioni e discussione con il regista Luigi d’Alife e l’attivista Davide Rostan)- venerdì 5 luglio: Tequila Against Racism! con le band: Assssa, NEURO, Dirty Bench, Baretto Way- sabato 6 luglio: dalle 22 Blessed Love Sound System – Berlin+Wanny’s King – Goma- domenica 7 luglio: dalle 21.30 Progetti di cultura solidale+Notte dei Tamburi con i Giguywassa!;Gemellaggio Esperanza – Schwäbisch Gmünd – Settembre Rosso;Presentazione Progetto “AntidiscriminAction” Arci Empolese Valdelsa;Intervento Officine Cavane: laboratorio di integrazione. A seguire:La Notte dei Tamburi: musica e danza di Costa d’Avorio, Mali, Guinea e Burkina Faso con i Giguywassa Per info e prenotazioni cena: 339 6181628
 Gli anni passano, la memoria si affievolisce, l’aggressività aumenta, l’indifferenza anche. In questo momento storico stiamo assistendo a eventi che fino a non molto tempo fa sarebbero stati impensabili. L’indignazione e la reazione ci sono, noi siamo tra coloro che la testimoniano in ogni occasione, e siamo tante e tanti, ma c’è anche tanta indifferenza di fronte a gesti violenti veri e propri, sia compiuti nelle città e tra i cittadini, che di fronte alle aggressioni verbali e alle parole di violenza di cui si rendono protagonisti Ministri del Governo italiano.Quando il potere politico rivendica nei fatti una supremazia sugli altri poteri dello Stato, ancora pochi sono coloro che comprendono la portata anti-democratica di queste posizioni e, al contrario, pensano di trovarsi di fronte a una ‘nuova modalità’ della politica. Potrebbe apparire apprezzabile perché agisce, peccato che spesso si tratti solo di propaganda; così come lo era il proclama dal balcone in cui si annunciava festanti che si «era abolita la povertà».Insomma una rappresentazione falsa, un’abilità nell’usare strumentalmente la menzogna, la disonestà intellettuale e l’ipocrisia.Ma se tanto spazio la destra è riuscita a conquistare, per contro, il sentimento antifascista e democratico si è indebolito per un combinato disposto di fattori: primo tra tutti la sottovalutazione delle paure legate alla crescita delle diseguaglianze sociali, che in parte sono alla base dello sdoganamento dei disvalori fascisti. La marea nera è avanzata, l’intolleranza, l’odio razzista hanno fatto il resto.La notizia dell’aggressione di sabato scorso a Roma, ai ragazzi del Cinema America, è di quelle che turbano, non solo per la violenza, che è sempre tremenda in sé, ma per la modalità squadrista contro quello che – in quel momento – rappresentava un valore antifascista da colpire.Quanto accaduto è per certo un attacco a chi promuove socialità attraverso la cultura. Chi promuove cultura anche per riflettere, come facciamo noi in tutta Italia, non si fa certo spaventare. E se qualcuno pensa di limitare questa azione attraverso atti violenti, si sbaglia, perché continueremo e siamo in tante e tanti.La denuncia e la lotta contro questo nuovo fascismo, contro queste forme di intolleranza, odio e razzismo sono doverose sempre e comunque. Noi ci siamo.Per questo Arci aderisce all’appello di Anpi per la chiusura di Casa Pound, come ha spiegato su Repubblica la nostra presidente Francesca Chiavacci, perché “Casa Pound e le altre forze di estrema destra rappresentano un pericolo sociale evidente. Bisogna essere chiari: l’apologia del fascismo va contrastata e la legge lo prevede.

Ultimi articoli

Sabato 2 Dicembre torna la Notte Rossa di Arci Toscana: la festa che ogni anno

Cura è rivoluzione sono le parole scelte dall’Arci per la campagna di tesseramento 2023-2024 che

Il 7 ottobre a Roma si terrà una grande manifestazione “La via maestra – Insieme

Si è concluso il progetto "Bambini al centro" che Arci Toscana insieme a Fondazione Prosolidar

La Giornata Mondiale del Rifugiato, è stata istituita il 4 dicembre 2000 dall’Assemblea Generale delle Nazioni

I bilanci sociali di Arci Toscana: IL BILANCIO SOCIALE DI ARCI TOSCANA 2021