21 MARZO 2020 – XXV Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

21 MARZO 2020 – XXV Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

Sabato è il 21 marzo, XXV Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Avremmo voluto ricordarle a Palermo, insieme alla rete di Libera Contro le Mafie e a tutte quelle realtà e quelle persone che – quotidianamente – si occupano di lotta alle mafie, e insieme ai familiari di chi ha subito la violenza più atroce della criminalità organizzata.

Naturalmente la giornata palermitana è saltata, ma – nonostante ciò – vogliamo ricordare ugualmente – come è giusto – tutte le vittime innocenti delle mafie e delle stragi: quelle di cui conosciamo le storie, quelle di cui sappiamo solo il nome e le tante delle quali non abbiamo ancora conoscenza.

Per questo sabato 21/02, dalle 9.30 alle 17.30 – ogni mezz’ora – pubblicheremo sulla nostra pagina facebook i video che ci hanno inviato i presidenti e le presidentesse di tutti i Comitati Territoriali e Gianluca Mengozzi, presidente di Arci Toscana, nei quali vengono scanditi – uno dopo l’altro – i nomi di tutte le vittime innocenti delle mafie e delle stragi.

 

#resistenzavirale #memoriaimpegno #21marzo2020

Ultimi articoli

Ha preso il via oggi, lunedì 30 maggio, un nuovo campo della legalità Suvignano #benecomune

In occasione del 17 Maggio abbiamo voluto marcare il segno del nostro impegno, accendendo la luce

COMUNITA' GLOBALI - Solidarietà internazionale e volontariato per tutt* Corso di formazione del Cesvot in collaborazione

Finalmente, dopo due anni in cui la Festa della Liberazione ha dovuto fare i conti

ROMA 30 MARZO 2022 - ‘Accoglienti per Natura’: sono le parole scelte dall’Arci per la

La guerra torna in Europa. Le nostre comunità partecipano con sgomento ed incredulità ai sentimenti

Firenze, 11 febbraio 2022 - Siamo molto preoccupati per la salute delle nostre comunità. I dati che

ARCI Toscana, con il contributo con i fondi Otto per Mille della Chiesa Valdese, sostiene