Progetto ‘D.R.A.G.O.’ per il sostegno alla cooperativa ‘Lavoro e Non Solo’

Progetto ‘D.R.A.G.O.’ per il sostegno alla cooperativa ‘Lavoro e Non Solo’

Sabato 19 settembre si terrà la terza edizione della Passeggiata della legalità e della Giustizia Sociale.All’iniziativa partecipano la BiblioApe , le parole della associazione Il Gabbiano, del Circolo di Lettura ad Alta Voce di Pisa e Vivi Teatro, Inoltre durante il percorso ci saranno altre impreviste incursioni artistiche e culturali sui temi della legalità a cura delle associazioni partecipanti.Di seguito il programma:Ore 11.00: Fornacette (Parco della Fornace) – Nell’ambito della III Festa Provinciale CGIL incontro dibattito con Gianna Fracassi della segreteria Nazionale CGIL ed esponenti di altre organizzazioni dell’antimafia sociale ed istituzionale su Legalità e Giustizia Sociale .Ore 14.30: Pontedera – Ritrovo in Via Peppino Impastato – Intervento di saluto da parte del Sindaco della Citta di Pontedera Avv. Simone Millozzi di Ferdinando Mellea Referente Provinciale di Avviso Pubblico. Intervento di saluto delle Associazioni dell’antimafia socialeOre 15.00: Partenza passeggiata per un percorso di circa 6 km.Ore 16.30: Cortile scuola Pacinotti – Mostra fotografica curata da Sprar Arci ValderaOre 16.45: Giardini del Teatro Era – Fermata e ristoro a Cura di Centro Poliedro, La Tienda ,Gruppi Acquisto Solidale ValderaOre 17.30: Piazza Puglisi – Intervento di Teatro canzone di Alfonso di Pietro “Per amore del mio popolo” Le parole di Don Peppe Diana a cura di Tavola della Pace e della CooperazioneOre 18.15: Arrivo al Parco Fluviale di La Rotta, ospiti della storica festa dei Fischi e delle CampanelleOre 18.30: Palco centrale – Interventi dei giovani partecipanti ai campi estivi di ARCI e di LIBERA nelle terre confiscate alle mafie. Piantumazione di un nuovo albero dedicato a una vittima delle mafie.Ore 19.30: ‘Cena della legalità’ con alcuni prodotti delle cooperative delle terre sottratte alle mafie a cura de ‘Il Mattone’Ore 21.00: Spettacolo teatrale “ Alabama hotel” a cura di Compagnia boom” del Centro Poliedro e ArcisolidarietàOre 22.00: Concerto di chiusura a cura di Filarmonica Volere è PotereDurante la serata sarà possibile ammirare in trasparenza il fuoco del forno che sarà realizzato in bottiglie di vetro e al cui interno saranno in cottura il manufatto dell’artista A.Malbis e Mattone della legalità 2015
 Il progetto è sostenuto dalla Fondazione ‘Con il Sud’, ed ha l’obiettivo di rilanciare l’agricoltura sostenibile favorendo l’inclusione sociale di soggetti in condizione di disagio e di marginalità.Rispondendo anche all’attuale situazione di emergenza e criticità, il progetto D.R.A.G.O. è destinato a beneficiari richiedenti asilo, giunti in Sicilia attraverso i drammatici sbarchi che tutti conosciamo e accolti all’interno del bene confiscato “Casa Caponnetto” a Corleone, assegnato alla cooperativa Lavoro e Non Solo. I profughi protagonisti del progetto stanno svolgendo un percorso formativo teorico-pratico, che li condurrà a sviluppare tutte le competenze necessarie per seguire l’intero processo di filiera riguardante la coltura, il confezionamento e la diffusione sul mercato dei prodotti provenienti dalle terre confiscate alla mafia. Gli ospiti del progetto D.R.A.G.O. stanno svolgendo le loro attività insieme ai ragazzi e alle ragazze volontari che per tutta l’estate si sono alternati nei campi di lavoro.Uno dei prodotti, frutto del loro lavoro, è l’UVA DA TAVOLA, proveniente dalle terre confiscate, assegnate alla Lavoro e Non Solo dal Comune di Canicattì. L’uva da tavola, coltivata e raccolta dai nostri giovani, verrà confezionata in cassette di 6 kg ciascuna.E’ possibile sostenere il progetto sia singolarmente che attraverso i vostri circoli Siamo quindi ad invitare voi tutti, acquistando questo prodotto, che ha un duplice valore aggiunto: 1) è un prodotto che viene coltivato a Canicattì, nelle terre confiscate a un mafioso 2) è il frutto del lavoro dei ragazzi che fanno parte del progetto Sprar inseriti in cooperativa e che, proprio attraverso questo progetto, stanno intraprendendo un percorso di vita verso l’autonomia.Acquistare questa uva da tavola di Canicattì è un segnale importante a cui  l’Arci Toscana tutta aderisce, vuol dire obiettivi di giustizia sociale, che da sempre contraddistinguiono la nostra associazione.Le cassette di uva sarà possibile ordinarle attraverso una semplice mail all’indirizzo di CalogeroParisi (calogerolavoroenonsolo@gmail.com) e, in conoscenza, alla responsabile legalità toscana Serenella Pallecchi (pallecchi@arci.it) ENTRO E NON OLTRE LUNEDI’ 14 SETTEMBRE.Orari e modalità di consegna saranno comunicati nei prossimi giorni, così da poter organizzare i ritiri.  

Ultimi articoli

Sabato 2 Dicembre torna la Notte Rossa di Arci Toscana: la festa che ogni anno

Cura è rivoluzione sono le parole scelte dall’Arci per la campagna di tesseramento 2023-2024 che

Il 7 ottobre a Roma si terrà una grande manifestazione “La via maestra – Insieme

Si è concluso il progetto "Bambini al centro" che Arci Toscana insieme a Fondazione Prosolidar

La Giornata Mondiale del Rifugiato, è stata istituita il 4 dicembre 2000 dall’Assemblea Generale delle Nazioni

I bilanci sociali di Arci Toscana: IL BILANCIO SOCIALE DI ARCI TOSCANA 2021