L’ITALIA SONO ANCH’IO show

L’ITALIA SONO ANCH’IO show

Lo strappo coi sindacati va ricucito. Le tutele dell’articolo 18 vanno mantenute. L’Arci esprime una valutazione fortemente critica e preoccupata in merito all’esito della trattativa fra governo e parti sociali sul lavoro e alla proposta di riforma avanzata dal ministro Fornero. Dichiarazione di Paolo Beni, presidente nazionale Arci
   La Toscana dell’antirazzismo chiama. Il mondo della musica, della cultura, della società civile, delle istituzioni, risponde. Lunedì 12 marzo, da Firenze, al tempo stesso città di accoglienza e luogo della strage del 13 dicembre scorso, giungerà un messaggio, rivolto a tutto il Paese, per la cittadinanza ai ragazzi nati in Italia da genitori stranieri e per aprire una nuova stagione di diritti e coesione, di lotta alle discriminazioni e alla paura, di incontro con le comunità di cittadini immigrati che vivono da anni in Toscana.Promosso da Arci Toscana nell’ambito della campagna ‘L’Italia sono anch’io’ e con il patrocinio della Regione Toscana, ‘L’Italia sono anch’io show’ sarà una grande maratona/concerto all’Obihall, all’insegna dell’intreccio di culture, per dare voce ad un pezzo di Italia sempre più importante, ma ancora senza cittadinanza e rappresentanza.In scaletta un ricco e interculturale parterre di artisti che potrebbe riservare anche alcune sorprese. Si susseguiranno le musiche e le danze tradizionali africane dei senegalesi Pape Kanoute e Mandè, la musica latina del peruviano Hernan Gipsy con un gruppo di musicisti italiani e latini. E ancora, la vitalità de La Scena Muta e di Musica da Ripostiglio, l’interessantissimo incontro tra Ginevra di Marco ed i musicisti della Orchestra di Piazza Vittorio (Mario Tronco, Ziad Trabelsi, Carlos Paz, Sangei, Pino Pecorelli). A suggellare la particolarità dell’evento un inedito set che vedrà la partecipazione straordinaria di Vinicio Capossela assieme a Ginevra di Marco, Pape Kanoute, sotto la sapiente egida di Francesco Magnelli.Alla guida del palco ci sarà Daniela Morozzi che ospiterà alcune delle voci dell’Italia interculturale di oggi, tra cui il portavoce della comunità senegalese della Toscana Pape Diaw, il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. ‘L’Italia sono anch’io show’ prende il nome dalla omonima campagna per i diritti dei cittadini stranieri che nascono o vivono nel nostro Paese. Negli ultimi mesi le 19 organizzazioni promotrici, e un vasto numero di organizzazioni a livello territoriale, si sono mobilitate per raccogliere le 50mila firme necessarie per presentare due proposte di legge di iniziativa popolare. La prima su un tema sollecitato dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano: il riconoscimento della cittadinanza (introducendo una forma di ius soli temperato) ai ragazzi e ragazze nati in Italia da genitori stranieri. La seconda sull’estensione del diritto di voto alle elezioni amministrative ai lavoratori immigrati residenti nel nostro Paese da almeno 5 anni. Lunedì 12 marzo 2012OBIhalllungarno Aldo Moro, Firenze Dalle 21,00ingresso gratuito. www.arcitoscana.itwww.litaliasonoanchio.it   —- I cittadini ‘Stranieri’ in Italia e in ToscanaI cittadini immigrati oggi sono 4.570.317 (il 7,5% del totale).Contribuiscono all’erario pubblico con un gettito IRPEF di oltre 6 miliardi di euro (il 4,1% del totale), e contribuiscono al sistema pensionistico dell’INPS (rischiando di non servirsene, qualora decidano di lasciare l’Italia), con 7,5 miliardi di euro (12,9% dei versamenti). In Toscana secondo le stime del dossier Caritas Migrantes 2011 individuano 396 mila stranieri regolarmente presenti in Toscana, il 10,6% della popolazione (la media italiana si attesta al 7,5%).  Nati in Italia da genitori stranieri e minoriI minori figli di genitori stranieri sono 932.675 minori. 572.720 sono quelli nati in Italia. Nell’anno scolastico 2009/2010 erano 673.592 gli alunni e gli studenti di cittadinanza non italiana iscritti nelle scuole italiane. In Toscana, su un totale di quasi 33 mila nuovi nati, quelli venuti alla luce da donne straniere sono quasi 6000, il 18% del totale delle nascite. Le stime del dossier Caritas spostano questa percentuale al 24%.Nell’anno scolastico 2010/2011 il totale degli studenti iscritti nelle scuole (pubbliche statali e paritarie) della Toscana sfiorava le 490 mila unità (489.959) di cui circa 56 mila (56.088) stranieri (circa l’11,4%).

Ultimi articoli

ARCI AREZZO CON LA PALESTINA NEL CUORE: dalle ore 10 camminata e letture sui luoghi della

Sabato 2 Dicembre torna la Notte Rossa di Arci Toscana: la festa che ogni anno

Cura è rivoluzione sono le parole scelte dall’Arci per la campagna di tesseramento 2023-2024 che

Il 7 ottobre a Roma si terrà una grande manifestazione “La via maestra – Insieme

Si è concluso il progetto "Bambini al centro" che Arci Toscana insieme a Fondazione Prosolidar

La Giornata Mondiale del Rifugiato, è stata istituita il 4 dicembre 2000 dall’Assemblea Generale delle Nazioni