“Fermare e isolare Netanyahu, non lasciare Gaza sola”

“Fermare e isolare Netanyahu, non lasciare Gaza sola”

ArciFreequency Live set, reading, interviste6 ore di diretta radiofonica dal palco dell’Exfila di Firenzea cura del network delle radio Arci in Toscana ospiti Marco Vichi, Mario Cardinali, Simone Lenzi, Il Generale, Frankie Hi NRG Mc e CISCO in live acustico in esposizione, una rassegna di locandine storica della rivista ‘Il Vernacoliere’ giovedì 29 novembre 2012dalle 18 alle 23ingresso gratuito, soci Arci on stage:Exfilavia Leto Casini 11 – Firenze[dietro il centro commerciale del gignoro | gps: via marangoni] on air: Novaradio, Contatto Radio, Radio Cage, Radio Labo, RadioValdarno, Radio Radicchio
 La grande offensiva militare che sta lanciando, chiamata “colonna della difesa”, metterà ancora a ferro e fuoco la striscia di Gaza con l’obiettivo di dar seguito al lavoro iniziato, e in qualche modo per loro interrotto, con piombo fuso. Occorre impedirglielo Occorre alzare la voce e isolare Netanyahu. Il suo cinismo, grazie al colpevole silenzio della comunità internazionale, sta oltrepassando ogni limite. Vittima sacrificale l’intera popolazione di Gaza. La sovradimensionata “autodifesa”, l’uso spregiudicato dell’opzione militare, promossa da Netanyahu, ha l’obiettivo di spostare l’attenzione dell’elettorato israeliano dai problemi sociali alla sicurezza, di sabotare l’iniziativa palestinese di richiesta all’Onu di riconoscere la Palestina come stato non membro, di lanciare segnali minacciosi allo stesso Abu Mazen, ai fratelli musulmani al potere in Egitto, all’Iran. Oggi la situazione nel Medio Oriente è diversa dai tempi di piombo fuso. Sono cambiati gli equilibri regionali, altri protagonisti si sono affermati, la crisi siriana coinvolge l’intera regione. Aggiungere tensione e fiamme a un equilibrio precario può far precipitare nel caos e nella violenza l’intero Medio Oriente. Anche per questo occorre fermare e isolare Netanyahu. L’escalation di violenza promessa da Netanyahu si inserisce in un contesto di stallo grave del processo di pace israelo-palestinese, conseguente a politiche di fatto compiute da parte del suo governo in questi anni, che, come ha dichiarato l’Unione Europea il 5 luglio scorso, non solo mettono in mora il processo di pace, ma rischiano di rendere impossibile la soluzione dei due stati per due popoli. La risoluzione UE cita l’insediamento di nuove illegali colonie, il continuo abbattimento di case e infrastrutture palestinesi, l’isolamento di Gerusalemme est, la deportazione di popolazione, il blocco della striscia di Gaza, ecc. Anche per questo, nell’interesse dello stesso popolo israeliano, occorre fermare e isolare Netanyahu. Alziamo la voce della società civile, chiediamo con forza al governo italiano, all’Unione Europea, alla comunità internazionale di rientrare dalla propria colpevole latitanza, di non essere né indifferente, né complice. Spetta a loro fermare Netanyahu e costringere il governo israeliano a percorrere la via della pace fondata sui diritti di tutti, palestinesi e israeliani, sulla fine dell’occupazione”.   In allegato il comunicato rilasciato da un gruppo di internazionali che vivono nella striscia di Gaza e lavorano negli ambiti del giornalismo, dei diritti umani, dell’educazione, dell’agricoltura.

Ultimi articoli

Sabato 2 Dicembre torna la Notte Rossa di Arci Toscana: la festa che ogni anno

Cura è rivoluzione sono le parole scelte dall’Arci per la campagna di tesseramento 2023-2024 che

Il 7 ottobre a Roma si terrà una grande manifestazione “La via maestra – Insieme

Si è concluso il progetto "Bambini al centro" che Arci Toscana insieme a Fondazione Prosolidar

La Giornata Mondiale del Rifugiato, è stata istituita il 4 dicembre 2000 dall’Assemblea Generale delle Nazioni

I bilanci sociali di Arci Toscana: IL BILANCIO SOCIALE DI ARCI TOSCANA 2021