Campi della Legalità

estate in campo 800x583

LA STORIA

 

 

Su terreni confiscati alle mafie, dal 2004 organizziamo campi di lavoro rivolti a giovani volontari provenienti da tutta Italia, in cui le attività lavorative si alternano a sessioni di studio, informazione e formazione sui temi della lotta alla mafia.

Da quando sono iniziati, i campi hanno ospitato migliaia di ragazze e ragazzi e hanno visto impegnati nel lavoro volontario anche tanti anziani, in un’ottica positiva di scambio di memoria e di rapporto intergenerazionale.

I campi sono una conseguenza naturale della filosofia della confisca: restituire i beni alla comunità, renderli vivi, animarli con iniziative culturali, formative e informative sulla difesa della democrazia, della legalità, della giustizia sociale, del diritto al lavoro.

Una pacifica ‘occupazione’ di questi spazi, dunque, abitati dalla presenza di centinaia di persone che si spendono con impegno e dedizione per costruire comunità alternative alle mafie.

Oltre alla collaborazione alle attività nei terreni e sui beni confiscati, i volontari parteciperanno a incontri con parenti di vittime innocenti e testimoni della lotta alla mafia, attività culturali, presentazioni di libri, laboratori di danze e musica popolare.

Iscriviti a uno dei 14 Campi della Legalità di Arci!

Ultimi articoli

𝗦𝗼𝗹𝗶𝗱𝗮𝗿𝗶𝗲𝘁𝗮̀ 𝗮𝗶 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗮𝘁𝗼𝗿𝗶 𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗮𝘁𝗿𝗶𝗰𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗚𝗞𝗡   Esprimiamo piena solidarietà e vicinanza ai lavoratori e

Si celebra oggi la 𝐆𝐢𝐨𝐫𝐧𝐚𝐭𝐚 𝐦𝐨𝐧𝐝𝐢𝐚𝐥𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐫𝐢𝐟𝐮𝐠𝐢𝐚𝐭𝐨. Molte saranno le iniziative promosse anche in Toscana

“Una decisione che attendevamo da tempo e che viene incontro alle aspettative delle migliaia di

𝗟𝗮 𝘃𝗶𝗼𝗹𝗲𝗻𝘇𝗮 𝗶𝗻 𝗣𝗮𝗹𝗲𝘀𝘁𝗶𝗻𝗮 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗶𝗻𝘂𝗮, 𝗴𝗶𝗼𝗿𝗻𝗼 𝗱𝗼𝗽𝗼 𝗴𝗶𝗼𝗿𝗻𝗼, 𝗹𝗮𝘀𝗰𝗶𝗮𝗻𝗱𝗼𝗰𝗶 𝗮𝘁𝘁𝗼𝗻𝗶𝘁𝗶 𝗱𝗶 𝗳𝗿𝗼𝗻𝘁𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗮 𝗯𝗿𝘂𝘁𝗮𝗹𝗶𝘁𝗮̀ 𝗰𝗵𝗲

"Nonostante il miglioramento dei contagi e del complessivo contesto sanitario, è stato scelto di mantenere

Per il secondo anno consecutivo, le iniziative per la Festa della Liberazione devono fare i

Liberi dal Gioco d'Azzardo. Arci Toscana, nell'ambito del Progetto GAP-ARP 2 "per lo svolgimento di

Prima al supermercato, poi nei Circoli Arci della Toscana. Non si ferma la diffusione di M, il Figlio

Con un voto definitivo alla camera dei deputati finalmente è stata cancellata l’ingiusta e incomprensibile