Solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici della GKN

Solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici della GKN

𝗦𝗼𝗹𝗶𝗱𝗮𝗿𝗶𝗲𝘁𝗮̀ 𝗮𝗶 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗮𝘁𝗼𝗿𝗶 𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗮𝘁𝗿𝗶𝗰𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗚𝗞𝗡
 
Esprimiamo piena solidarietà e vicinanza ai lavoratori e alle lavoratrici della GKN, azienda di componenti automobilistiche di Campi Bisenzio che ieri – con una mail, senza alcun preavviso – ha licenziato 422 operai e operaie, dichiarando la chiusura dello stabilimento. Un gesto inaccettabile, reso ancora più grave dalle modalità con cui è avvenuto: l’azienda ha addirittura chiuso tutte le linee telefoniche e gli account social in modo da interrompere immediatamente le comunicazioni con lavoratori e lavoratrici.
 
Tale vicenda, avvenuta a pochissimi giorni dallo sblocco dei licenziamenti da parte del Governo, dimostra ancora una volta l’attacco rivolto contro tutte quelle persone che per vivere devono lavorare da parte di un mondo terribilmente ingiusto dettato da interessi di parte votati al profitto.
 
Questa mattina il nostro Consiglio Regionale, su proposta di Arci Firenze, ha approvato per acclamazione un ordine del giorno dedicato a esprimere solidarietà agli operai e a programmare azioni concrete di supporto. La violenza di quanto è accaduto riguarda tutte e tutti noi. I nostri circoli sono al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori in lotta per la rivendicazione dei loro diritti.

*

Qui è possibile leggere l’ordine del giorno proposto da Arci Firenze approvato oggi durante il Consiglio Regionale: Solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici della GKN 10/07/2021 

Ultimi articoli

ROMA, 16 APRILE 2024 – Si aprirà giovedì 18 aprile a Prato, per concludersi il

ARCI AREZZO CON LA PALESTINA NEL CUORE: dalle ore 10 camminata e letture sui luoghi

Sabato 2 Dicembre torna la Notte Rossa di Arci Toscana: la festa che ogni anno

Cura è rivoluzione sono le parole scelte dall’Arci per la campagna di tesseramento 2023-2024 che

Il 7 ottobre a Roma si terrà una grande manifestazione “La via maestra – Insieme

Si è concluso il progetto "Bambini al centro" che Arci Toscana insieme a Fondazione Prosolidar