Site Search powered by Ajax

Festeggiamo il 1° maggio nei circoli e non nei centri commerciali

Non condividiamo la proposta di alcune categorie di commercianti ed enti locali di lavorare il 1° maggio. Ci rendiamo conto che la crisi economica mette in difficoltà alcune categorie, ma questo non può portare a teorizzare un terribile e ininterrotto ciclo di lavoro.
Tanto più importante è mantenere il carattere di festa del 1° maggio, perchè legato proprio al tema del lavoro.

Invitiamo per questo le cittadine e i cittadini di prendere parte ad una delle tante iniziative che i circoli e le case del popolo organizzano per questa giornata, invece di cedere per un giorno alle tentazioni consumistiche.

Vincenzo Striano, Presidente Arci Toscana

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (unita-300409-pagV.pdf)L'unitàL'unità - 30 aprile 2010 - pag. V cronaca Toscana125 Kb

Login Form