Site Search powered by Ajax

Non chiudiamo gli occhi: la tragedia giapponese ci insegna i pericoli del nucleare

FukushimaL'Arci Toscana esprime vicinanza al popolo giapponese, alle tante persone che soffrono per questa grave catastrofe e ai parenti e amici delle vittime.

E' evidente che ci sono catastrofi naturali rispetto alle quali è difficile immaginare difese adeguate.
Ma se ora è il momento della solidarietà e non della speculazione politica, nemmeno si può far finta di ignorare un fatto evidente e inaccettabile: le centrali nucleari non sono e non saranno mai qualcosa di sicuro.
Rifiutiamo le polemiche di chi dice che partendo dal dramma giapponese si cerca di orientare in senso antinuclearista l'opinione pubblica.
Casomai il cinismo è l'opposto. E' di chi rilancia il programma nucleare italiano, ignorando ancora una volta i gravissimi rischi connessi a questa scelta. Il resto dell'Europa, a partire dalla Germania, sta già tornando indietro. Contemporaneamente ribadiamo la necessità di investire nello sviluppo delle energie rinnovabili per il futuro del nostro paese.
Per questo motivo, con ancora maggior forza, ci sentiamo impegnati nella battaglia politica e culturale per un corretto rapporto con l'ambiente e dunque rilanciamo l'invito a mobilitarsi per i referendum sia in relazione alla ripubblicizzazione dell'acqua come bene comune primario che alla contrarietà al nucleare.

 

Main Menu

Login Form